Modalità di Ricovero


Prericovero

L'accoglienza dei pazienti da ricoverare in Casa di Cura avviene su indicazione diretta del medico, facente parte del reparto a cui il paziente stesso sarà destinato. L’ufficio prericovero procederà ad inserirlo nella lista d’attesa. L’ufficio sopracitato provvederà a contattare il paziente per comunicare la data della preospedalizzazione.
Nella maggior parte dei casi, ove sia possibile, le procedure chirurgiche vengono eseguite in regime di Day Surgery utilizzando i posti letto dell’area di degenza ordinaria.
Durante la fase di preospedalizzazione, che si esaurisce solitamente in una sola mattina, vengono eseguite le prestazioni che rientrano comunemente nello screening per la valutazione dell’idoneità all’intervento, ad es: indagini pre-operatorie, visita anestesiologica e colloquio con il medico specialista in cui sarà possibile ricevere tutte le informazioni di cui si necessita per affrontare con consapevolezza e serenità l’intervento chirurgico a cui si sarà sottoposti.
Nell’ambito della preospedalizzazione sono previsti esclusivamente accertamenti diagnostici riguardanti la patologia per la quale si sarà sottoposti ad intervento. Nel caso in cui l’utente decida di non sottoporsi all’intervento per motivi propri, non riguardanti il suo stato di salute, sarà tenuto al pagamento degli esami effettuati.

I Ricoveri

Ogni ricovero è programmato e formalizzato attraverso l’Ufficio Accettazione, nel rispetto delle liste di attesa. I ricoveri di Area medica sono preventivamente concordati con i medici del reparto di competenza, in seguito a una valutazione clinica del paziente, mentre i ricoveri chirurgici avvengono dopo aver ottenuto l’idoneità all’intervento in fase di prericovero.
Il giorno del ricovero, dopo aver espletato le fasi dell’Accettazione, il personale dell’Ufficio avrà cura di consegnare al paziente nota informativa contenente notizie utili al suo ricovero.
Dopo un intervento di ortopedia maggiore, il percorso di riabilitazione potrà essere effettuato presso la Casa di Cura sia in regime di ricovero che ambulatorialmente. Il ricovero nel reparto di riabilitazione è subordinato ad autorizzazione dell’Area Vasta per i residenti in Regione Toscana, e giustificato per comorbilità e necessità di controllo Medico-infermieristico per i Pazienti extra-regionali.

Arrivo nel reparto di degenza

All’arrivo, l’ospite sarà accolto dal personale incaricato (capo sala, infermiere professionale, operatore socio-sanitario) che darà le prime informazioni di reparto. Verrà inoltre dotato di un braccialetto identificativo che aiuta il personale sanitario a fornire un’assistenza più sicura.
Il braccialetto contiene le informazioni essenziali di cui il personale ha bisogno per una corretta identificazione del soggetto durante il percorso assistenziale: nel caso in cui il paziente non sia cosciente o collaborante, nel trasferimento tra reparti, prima della somministrazione della terapia, prima di un esame diagnostico e prima di una trasfusione di sangue.
E’ quindi fondamentale, ove possibile, un ruolo attivo dello stesso paziente nella segnalazione di eventuale assenza/danneggiamento del braccialetto, diventando così, lui stesso, “un alleato” per la sicurezza. Sarà accompagnato nella sua camera di degenza e gli saranno illustrati i vari servizi a disposizione.
Nel corso della giornata sarà sottoposto alla visita medica d’ingresso. Al paziente verrà assegnato un infermiere o medico di riferimento identificati nel caposala o nel medico della Casa di Cura con cui ha avuto contatti. Sarà consegnato a ciascun degente il questionario per la valutazione di gradimento del ricovero da inserire prima della dimissione nell’apposita cassetta posta all’ingresso del reparto.

Riconoscibilità del personale

Tutto il personale della Casa di Cura è identificato tramite apposito cartellino riportante nome e qualifica dell’operatore.

Visite ai degenti

L’orario di accessoai reparti, che può variare a seconda delle esigenze delle singole Unità, è il seguente:

Giorni feriali:
dalle 12.00 – 14.00 / 18.00 – 19.30
Giorni fstivi:
dalle 11.00 – 14.00 / 17.00 – 19.30

Per il reparto di Hospice non esistono limiti di orario.

In particolare, ove le condizioni cliniche del paziente lo richiedano, è previsto l’ampliamento della fascia oraria di visita, così da rendere più agevole la permanenza del ricoverato, potendo avere accanto le persone a lui care. Queste, su loro esplicita richiesta alla caposala, potranno ottenere, a giudizio del medico responsabile di reparto l’apposita autorizzazione. In tal caso, il familiare autorizzato dovrà uniformarsi alle regole del reparto, favorendo la massima collaborazione con gli operatori sanitari.
L’assistenza ai pazienti minorenni è permessa per l’intera degenza.
I visitatori sono pregati di lasciare il reparto al termine dell’orario prestabilito per aiutare il regolare svolgimento dell’attività assistenziale.
Durante tali visite è:
  Per esigenze igienico/sanitarie e di rispetto del malato è consentito l’accesso ad un solo visitatore per volta, per paziente.
  É vietato l’accesso ai reparti ai bambini di età inferiore ai 12 anni.
  É vietato sedersi sui letti ed utilizzare i servizi delle stanze di degenza.
  Durante le attività sanitarie i parenti devono lasciare le stanze.
  Non è consentito introdurre cibi e bevande dall’esterno, salvo casi particolari per i quali è richiesta specifica autorizzazione della Caposala.
  Durante la distribuzione del vitto è vietato l’accesso ai reparti, fatta salva ogni autorizzazione specifica.

Rispetto della privacy

La Casa di Cura garantisce il rispetto della privacy per tutto quanto rigurda la tutel dei dati sensibili relativi ai pazienti, dando informazioni al solo diretto interessato o ai familiari dello stesso.

Colloqui con il medico di reparto

All’ingresso di ogni reparto è presente l’indicazione della stanza, dell’orario e del giorno di ricevimento dei medici con i quali il paziente, o persona da lui delegata, può ricevere informazioni circa l’iter diagnostico e l’evoluzione della malattia.
Per correttezza deontologica e per rispettare gli obblighi di legge sul segreto professionale, nessuno è autorizzato a fornire informazioni telefoniche su quanto attiene alla salute e alla sfera personale degli ospiti ricoverati.

Assistenza notturna

La presenza di familiari durante la notte è consentita eccezionalmente, previa autorizzazione del Medico Responsabile di Reparto.

Permessi d'uscita

L’autorizzazione per uscire dalla Casa di Cura, viene eccezionalmente concessa dal Direttore Sanitario solo in caso di evidente e conclamata necessità opportunamente dimostrata e solo se le condizioni cliniche non lo controindicano.

Certificato di Ricovero

Tale dichiarazione viene rilasciata, a cura dell’ufficio accettazione, in carta semplice e per gli usi consentiti dalla legge, ai degenti che ne facciano richiesta.

Identificazione del personale

La Direzione assicura tramite controlli specifici l’accuratezza, completezza e leggibilità della documentazione clinica prodotta durante il ricovero garantendo il riconosimento degli operatori responsabili di quanto riportato nei documenti stessi.

Dimissioni

La dimissione avviene di norma nella mattina dei giorni feriali, entro le ore 11.00. La data viene comunicata in anticipo al paziente e/o suoi familiari così da poter organizzare al meglio il rientro al proprio domicilio.
Al momento della dimissione vengono consegnati all’interessato:
  Diretto interessato, se maggiorenne, o da entrambi i genitori se il paziente è minorenne.
  Soggetto esercente la tutela, la curatela o l’affido dell’intestatario, munito del relativo provvedimento.
  Erede, munito di documento che ne attesti la qualifica, o di atto notorio.
  Ogni altro soggetto (compreso il coniuge), purché presenti delega scritta su apposito modulo della struttura, nonché i documenti di identità di entrambi (delegante e delegato).

L’Ufficio Cartelle Cliniche osserva i seguenti orari:
Lunedì - Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Richiesta della cartella clinica

E’ possibile chiedere all’ufficio cartelle Cliniche copia conforme della cartella clinica. La richiesta può avvenire sia di persona sia tramite fax(0584 881545) o via mail (cartellecliniche@sancamillo.net) e la copia verrà rilasciata, entro 30 gg dall’attestazione di avvenuto pagamento. La copia potrà essere spedita in contrassegno al domicilio del richiedente con spese a carico del destinatario, l’importo è comunicato dall’Ufficio Cartelle Cliniche.
Per eventuali informazioni contattare il n. 0584.739244.
La cartella clinica accompagna l’utente durante il ricovero e viene compilata dai sanitari che si occupano del paziente. Questa è un insieme di documenti nei quali viene registrato, a cura del personale medico e infermieristico, un complesso di informazioni di carattere sanitario, anagrafico, sociale, ambientale, giuridico, ecc.
Nel documento viene riportato, il più fedelmente possibile, ciò che riguarda il paziente in senso diagnostico-terapeutico nel periodo della degenza. La redazione della cartella clinica avviene su fogli predisposti dall’Amministrazione; le relative annotazioni devono essere estese rispettando la sequenza cronologica, contestualmente agli eventi segnalati.
La chiusura della cartella clinica si ha con la formulazione della lettera di dimissione firmata dal medico del reparto o da un suo collaboratore a ciò appositamente preposto.
Secondo quanto suggerito dal Ministero della Sanità, (Direzione generale degli Ospedali, Divisione II, con circolare n.61 del 19.12.1986 n. 900.2/AG.464/260), deve essere conservata per un periodo illimitato, secondo le indicazioni contenute nell’art. 30 del D.P.R. 30.06.1963 n. 1409. Essa è un documento sanitario coperto dal segreto d’ufficio e dal segreto professionale e tutelato dalla legge sulla privacy.
La richiesta di copia della cartella clinica può essere avanzata da:
  Lettera di dimissione.
  Eventuale documentazione clinica portata dal paziente.
  Eventuali brochure indicative sullo stile di vita da seguire al proprio domicilio.
  Certificato di dimissione e di malattia, se richiesto, viene rilasciato dal medico di reparto in base alla nuova procedura telematica.

Nel caso di pazienti solventi gli stessi dovranno recarsi al piano terra, presso l’Ufficio Accettazione, per espletare le pratiche amministrative.

Aspetti alberghieri e confort

La Casa di Cura dispone di camere di degenza da uno o tre posti letto con servizi igienici dedicati. Ogni posto letto è fornito di dispositivo di chiamata il cui funzionamento viene illustrato dal personale di reparto al momento del ricovero. Le camere per solventi sono corredate di TV Lcd, così come tutti i locali soggiorno.
Per aumentare ulteriormente il comfort, ed essere al passo con lo sviluppo della tecnologia e per andare incontro alle moderne abitudini degli utenti, le stanze sono dotate anche di un collegamento wireless, il segnale è presente anche in giardino.
La Casa di Cura si impegna a offrire degli ambienti gradevoli e puliti, pasti di qualità e in quantità adeguati alla situazione di salute di ogni singolo Utente, distribuiti negli orari stabiliti.
La scelta dei menù proposti diversificati e di alta qualità avviene attraverso il personale della Ditta incaricata. La preparazione dei pasti è affidata ad una Ditta esterna specializzata. I pasti vengono distribuiti ai reparti mediante l’utilizzo di carrelli termici negli orari 12.00 – 13.00, 18.00 – 19.00. Le colazioni sono a cura del personale della struttura in orario 7.30 – 8.00. Per i pazienti a dieta libera è garantita la scelta tra due o più menù.
All’ingresso della clinica ed in vari piani sono installati distributori di bevande calde, acqua minerale e di cibo preconfezionato.
I controlli relativi al sistema HACCP, con lo scopo di innalzare i livelli di sicurezza alimentare, sono a cura della stessa Ditta di ristorazione.
La biancheria viene sostituita periodicamente e ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità. La pulizia degli ambienti è affidata al personale interno e viene svolta in base a turni organizzati.
La Casa di Cura si impegna a ripristinare tempestivamente, in caso di disservizio, le attrezzature da cui dipende il comfort della degenza (servizi igienici, lavandini, TV, letti) con il servizio di manutenzione interna.

Cosa portare per il ricovero

Il bagaglio va limitato all’indispensabile. Durante il soggiorno è indicato usare biancheria personale: pigiama e/o camicia da notte, vestaglia e/o giacca da camera, pantofole e qualunque altro indumento compatibile con la vita ospedaliera. È necessario portare con sé, l’occorrente per l’igiene personale e almeno 3 ricambi di biancheria intima. Per l’attività di riabilitazione in palestra è necessario disporre di una tuta da ginnastica o di un pigiama adatto, di magliette di cotone a girocollo e di scarpe chiuse (possibilmente senza lacci).
La Direzione non si assume la responsabilità per gli oggetti personali che il paziente decida di portare con se durante il ricovero.
Si ricorda che allo scopo di garantire al paziente ricoverato la continuità assistenziale, ovvero la possibilità di continuare ad eseguire la terapia che abitualmente effettua presso la propria abitazione è necessario che, all’ingresso del paziente nella Struttura, il Medico che “accetta” il paziente si informi sui farmaci assunti a casa da quest’ultimo così da poter confermare la cura o a suo giudizio eventualmente sospenderla o modificarla, facendo attenzione alle eventuali interazioni con la terapia che verrà somministrata durante la degenza.
Il Caposala (o l’infermiere incaricato dallo stesso) dovrà, prendere in consegna i farmaci personali del paziente e provvedere alla somministrazione di tutta la terapia farmacologica prescritta dal medico facendo in modo che il paziente non possa assumere farmaci in “autogestione”. Di ciò dovrà essere data debita informazione al paziente/parenti.
I farmaci personali del paziente possono essere utilizzati solo fino al reperimento degli stessi da parte della Struttura; andranno quindi conservati in luogo idoneo e restituiti al paziente stesso al momento della dimissione.
Si ricorda infine che ai pazienti in dimissione si forniscono i farmaci relativi al processo terapeutico in atto in quantità sufficiente per coprire l’arco temporale utile a reperire il proprio MMG. Per gli eventuali farmaci ad uso esclusivamente ospedaliero il Medico che effettua la dimissione ha cura di indicare nella lettera di dimissione il farmaco specifico. Con questa lettera il paziente si reca c/o la Farmacia dell’Ospedale unico per poter ritirare i “farmaci alla dimissione”.
In caso il paziente necessiti di presidi i Medici della Casa di Cura si limitano alla loro prescrizione.